Skip to Content

L’uso dei Mi Piace su Facebook, sempre corretto?

L’uso dei Mi Piace su Facebook, sempre corretto?

Sii il Primo!
da giugno 26, 2013 Social Network

Spesso si vedono su facebook “campagne” di sensibilizzazione per questo o per quell’argomento, tutti di notevole interesse sociale, bambini bisognosi o altro, ad esempio.

La routine è sempre la stessa: la richiesta di mettere dei “like” per convincere qualche organizzazione a donare soldi o altro. Sembra assurdo: che cosa c’è dietro?
In realtà è proprio così. Il tema è abbastanza scottante. Il cosiddetto “attivismo da clic” è al centro del dibattito da tempo. La domanda, in effetti, è simile a quella che vi state ponendo in questo momento: un certo tipo di impegno on-line superficiale e, per alcuni, autoindulgente porta qualcosa di positivo, risultati concreti? La risposta, purtroppo, è no.

E lo dimostra una recente campagna propossa dall’UNICEF Svezia: per promuovere la loro organizzazione hanno coniato questo slogan: “Likes don’t save lives. Money does.”.
In pratica, “I Mi piace non salvano vite. I soldi lo fanno”. Questo è un tipico esempio di realtà apparentemente aiutata dal web ma che in realtà, dopo un’attenta analisi, ne risulta danneggiata. Qualcuno potrebbe sentirsi già appagato, o comunque di aver fatto qualcosa per la società cliccando sul magico pulsante “Mi Piace”.

In realtà non è così gente, bisogna agire, ma agire nella vita reale, non in quella “social”. Purtroppo, il bimbo africano che non ha da mangiare, non si sazierà di certo con i vostri commenti, le vostre condivisioni o i vostri “Mi Piace”. Dobbiamo agire!

Precedente
Successivo

Lascia un Commento o Rispondi

La tua email non sarà visibile pubblicamente.Campi obbligatori sono marcati *

*